Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare questo sito web. Per maggiori informazioni clicca qui.

RIPRESA DA RECORD PER LA PRODUZIONE DI FURGONI IN ITALIA

Da un’analisi del Sole 24 ore, le immatricolazioni di piccoli veicoli commerciali sono tornate, nel 2016, ai livelli pre-crisi. Record invece per la produzione. Un articolo sul blog di Syncro System.

Ci sono voluti quasi 10 anni, ma il settore dei veicoli commerciali si è ripreso. La definizione è persino riduttiva, se si pensa, che, nel 2016, le immatricolazioni sono partite da una media mensile di 11.629 veicoli a gennaio per arrivare ai 28.533 di dicembre, tornando ai livelli segnati l’ultima volta prima della crisi economica che ha attanagliato il Paese, dal 2008 in poi.
A segnare un vero record è invece stata la produzione di furgoncini sotto le 3,5 tonnellate: il numero di veicoli usciti dagli stabilimenti italiani nell’anno appena concluso ha raggiunto quota 344mila, 20mila in più rispetto all’ultimo dato in crescita relativo al 2007.
Due gli stabilimenti italiani che hanno contribuito grandemente al raggiungimento di questo risultato: lo stabilimento Sevel di Atessa, centro di produzione di Fiat Ducato, Jumper Citroen e Peugeot Boxer, e il Cnh Industrial di Suzzara, a Mantova, da dove esce il Daily Euro 6.
Importanti le ricadute sull’occupazione e sull’intero indotto dell’automotive. I dettagli qui.