Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare questo sito web. Per maggiori informazioni clicca qui.

SYNCRO TRA I FONDATORI DEL PRIMO CENTRO ECONOMICO LOCALE D'ITALIA

Un'iniziativa commerciale dalla parte del produttore e del consumatore, con una spiccata preferenza per i prodotti a km 0.

Apre i battenti oggi, sabato 21 settembre 2013, il primo Centro Economico Locale, inaugurato ieri sera a San Zeno di Cassola dal gruppo Com'è: alla cerimonia, svoltasi nel pomeriggio, hanno presenziato il senatore Antonio Pasinato, i componenti del Consiglio d'Amministrazione della neonata società ideatrice del progetto e i soci fondatori, tra cui Luca Comunello, presidente di Francom Spa, gruppo Syncro System.
“Questo è il luogo dell'imprenditoria – ha commentato Pasinato - qui è nata e si è sviluppata quell'imprenditoria locale che ha le sue origini nell'impresa contadina familiare. Qui nasce una nuova iniziativa commerciale che si propone di avvicinare produttore e consumatore: è questo il vero chilometro 0, che serve a rendere centrale la cultura del lavoro, un progetto davvero innovativo, che le istituzioni dovrebbero sostenere!”
Commosso l'intervento di Valeria Bergamo, vedova di Costantino Perin, storico fondatore del primo centro del verde nel bassanese, che ha invitato imprenditori e cittadini a non arrendersi, soprattutto in un momento così critico come quello attuale, consegnando poi simbolicamente le chiavi dello stabile a Martina Contarin, giovanissima AD del Gruppo Com'è.
“La nostra è una guida giovane – ha ammesso la Contarin - ma alle spalle io, Nicola Bisinella, Ilenia Zonta, Giancarlo Meneghetti abbiamo un'esperienza storica. Abbiamo la presunzione di cambiare le cose: da oggi questa sarà la casa delle imprese del territorio! Da oggi siamo tutti dalla stessa parte: produttori, consumatori e venditori”.
Secondo Gino Eger, presidente di Com'è, l'iniziativa è un esempio di ciò che gli imprenditori dovrebbero fare, ossia reagire per affrontare il futuro dopo la crisi, pensando positivo e facendo massa critica.
Nessuna vendita nel corso della giornata inaugurale: nello spirito “anticonsumistico” degli organizzatori, la giornata è servita a far incontrare le persone, i produttori, i consumatori e i venditori.

Il nuovissimo Mercato di Comunità è suddiviso in sezioni, in base alle categorie merceologiche. All'interno, per ora, si trovano piante, fiori, ferramenta, animali da compagni, cibi e servizi per gli animali, arredo giardino, stufe, articoli da regalo. All'esterno trovano posto le sezioni dedicate a giardini, orti, agricoltura.
Francom Spa, gruppo Syncro System, è entrata a far parte del progetto come socia ed è presente nello stabile con uno stand nella zona “Ferramenta”: qui sono esposti alcuni dei prodotti più richiesti della gamma Syncro, le valigette e i bauli, in offerta speciale fino a fine ottobre.
Entro pochi mesi diventerà attiva l'attesissima sezione “Food”, che ospiterà produttori locali nel settore agroalimentare.