Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare questo sito web. Per maggiori informazioni clicca qui.

Syncro System al 34esimo Rally Città di Bassano

La coppia Michele Crescenzo (pilota) - Mauro Savegnago (navigatore), sponsorizzata da Syncro System, conclude al meglio il 34esimo rally Città di Bassano, 29-30 settembre 2017

Otto prove (una annullata) in due giorni, un susseguirsi di curve ed emozioni, 107 auto in gara per il rally moderno, 170 per lo storico: ecco, in brevissimo, il 34esimo Rally Città di Bassano, che quest’anno ha visto tra gli sponsor anche Syncro System. Ad aggiudicarsi il primo gradino del podio il favoritissimo Eddie Sciessere, già vincitore della scorsa edizione, quest’anno in coppia con Flavio Zanella.
Il marchio grigio azzurro di Syncro System ha accompagnato per tutti i 400 km di percorso la “puffetta” dell’equipaggio tutto vicentino formato da Michele Crescenzo e Mauro Savegnago.



"Che dire, - commenta a caldo Michele Crescenzo, poche ore dopo l’arrivo dell’ultima prova speciale- arrivare in fondo al 34° rally città di Bassano, la gara di casa, il "mundialito" per me è stata una gioia immensa".

Anche quest’anno il rally non ha risparmiato emozioni forti agli appassionati, con il colpo di scena dell’annullamento dell’ultima prova speciale di Campo Croce. Il rally ha messo alla prova gli equipaggi con un’infilata di percorsi da cardiopalma sull’altopiano di Asiago, sui tornanti di Foza e Rubbio e poi sul massiccio del Grappa, con le prove a Campo Croce e San Giovanni. Ottima la prestazione della "puffetta", l’auto da gara della coppia Crescenzo-Savegnago: una Peugeot 206 16V di colore, ovviamente, azzurro puffo.

"Abbiamo cercato di prepararla al meglio nei minimi dettagli. La gara è stata molto dura e molto tecnica! Uscire da ogni prova speciale era un miracolo... in strada c'era di tutto e di più! - commenta orgoglioso Crescenzo sul suo profilo Facebook - La macchina? Un missile, una vera 106 da competizione, molto bella e molto curata, sono orgoglioso di averla avuto sotto il culo per 400 km in totale".